giovedì 6 ottobre 2016

Altheo "Aperitivo in Concerto": SF jazz Collective.



DOMENICA 30 OTTOBRE 2016 - ORE 11
La storia del jazz rivive con
SF JAZZ COLLECTIVEThe Music of Miles Davis and Original Compositions
PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA




Domenica 30 ottobre 2016, ore 11, al via la XXXIIª stagione di Aperitivo in Concerto, 12 concerti dal 30 ottobre 2016 al 5 marzo 2017 al Teatro Manzoni di Milano. La rassegna quest’anno sarà interamente dedicata all’improvvisazione e alle sue molteplici sfaccettature e declinazioni. La musica improvvisata di origine africano-americana ha posto le sue radici nel legame con la tradizione più lontana, mantenendo con essa un dialogo profondo, intenso ed inesauribile.
Non è a caso se la XXXIIª stagione apre domenica 30 ottobre con un concerto di giovani e affermati talenti a livello mondiale, il SF Jazz Collective, al debutto sulla scena italiana. Uno straordinario ensemble che già da alcuni anni dedica la propria performance alla rilettura, per autori, dei capisaldi della letteratura musicale. Dopo Ornette Coleman, John Coltrane, Herbie Hancock, Thelonious Monk, Wayne Shorter, McCoy Tyner, Horace Silver, Stevie Wonder, Chick Corea e Michael Jackson, è la volta di Miles Davis. Il SF Jazz Collective presenterà dal palco del teatro Manzoni otto nuovi arrangiamenti delle composizioni di uno dei più grandi innovatori del jazz. 
Apprezzato per l’innovativo approccio al repertorio, Il SF Jazz Collective vanta un “leaderless format” grazie all’attuale formazione di 8 musicisti, ciascuno dei quali riconosciuto solista, compositore e leader di band in proprio. 
L’esito è un’elaborazione autenticamente collettiva, che vive dei contributi individuali di artisti che da anni operano nel campo della musica improvvisata e per i quali è fondamentale non solo l’aggiornamento del cosiddetto mainstream, ma anche la conservazione e l’updating della memoria storica e culturale, il “continuum” del passato musicale africano-americano. 
Il SF Jazz Collective dà inoltre rilevanza al jazz nella sua veste di linguaggio internazionale che travalica ogni confine geografico, provenendo gli stessi artisti da luoghi distanti tra loro, Ohio, Baltimora, Miami, Puerto Rico, Venezuela e Nuova Zelanda.


La formazione: 

Miguel Zenón sassofono contralto, David Sánchez sassofono tenore e sassofono contralto, Sean Jones tromba, Robin Eubanks trombone, Warren Wolf vibrafono, Edward Simon pianoforte, Matt Penman contrabbasso, Obed Calvaire batteria