sabato 16 aprile 2016

Altheo "People": Paolo Luzzi.



Paolo Luzzi  è nato nel 1948  a Impruneta, nella città metropolitana di Firenze, e qui vive e lavora. Dopo aver compiuto gli studi tecnici si diploma in elettronica e lavora nel settore delle telecomunicazioni.
Si dedica alla fotografia come ricerca personale in età giovanile, negli anni Settanta e Ottanta, lavorando in tecnica analogica soprattutto con il bianco e nero, con sviluppo e stampa in camera oscura. 
In seguito passa al colore, prediligendo la tecnica macro e scegliendo come soggetto principale i fiori. Con l’arrivo della tecnica digitale elabora le sue immagini in photoshop usando in mix anche la pellicola da 35  mm.





La sua ricerca attuale si evidenzia nei ritratti ripresi in sequenza, in controluce, con particolari del volto colto da diversi punti di vista, sguardi intensi,  che danno vita ad una rilettura della realtà, su uno sfondo sapientemente elaborato, dove si leggono i segni della natura. 
Sceglie eleganti luci ed ombre per documentare una miniera dismessa, dove il segno dell’uomo invita a riflettere sulla contemporaneità.
Interessante è il portfolio Danse la vie, una sovrapposizione di immagini surreali che riporta a sogni e ricordi interiori. Sono immagini in monocromia, momenti suggestivi della danza classica di uno spettacolo teatrale, su pellicola fotografica dove in precedenza è stato ripreso un paesaggio della Toscana (Cimitero Monumentale U.S.A.).
Effimeri passaggi di tango sono i protagonisti invece del portfolio Tango, ripreso in un ambiente particolare e atipico per il ballo: lo scalone di un palazzo storico di Firenze.







Paolo Luzzi collabora con l’associazione Art-Art di Impruneta all’organizzazione di mostre d’arte e altre attività culturali.
 Negli anni ha esposto in collettive e personali e ricevuto importanti premi in vari concorsi. Tra questi si ricordano il 1º posto nella sezione Portfolio al VI Concorso Fotografico indetto dall’Associazione Art-Art di Impruneta nel 2009, e il 2º posto nella sezione Bianco e nero al 1º Concorso Biennale Impruneta Fotografia, nel 2005. Nel 2012 l’autore fiorentino ha partecipato al Festival fotografico “Tango” di Riomagno di Seravezza,  Lucca.  Allo stesso anno risale la presenza alla collettiva “Effimeri passaggi” alla Galleria IAC di Impruneta. Nel 2013 la sua mostra “Il segno dell’uomo”, dedicata alle miniere di Gavorrano, è stata presentata alla Galleria IAC di Impruneta. Nello stesso anno Luzzi ha partecipato alla collettiva “La comunicazione nel mondo che cambia” allestita al Palagio di Parte Guelfa di Firenze. Nel 2014 il fotografo ha esposto con la personale “Il mio Egitto” alla Banca di Credito Cooperativo di Impruneta e a Piombino con “Mare Mare”. Del 2015  sono le personali a Firenze e nella Fornace Masini a Impruneta con “Ritratti della Festa dell’uva”. Nel 2016 elabora il suo primo video “Notturni- La calda notte” presente su YouTube.