mercoledì 7 agosto 2013

Altheo "Mostre": Caserta, Mostra d’arte contemporanea Asgard: la Città e il Sogno.







Sabato, 10 agosto 2013, alle ore 18:30, si terrà il vernissage della mostra d’arte contemporanea “ASGARD: la Città e il Sogno”, presso il Museo Civico MAGMA di Roccamonfina (Ce).
Oltre alle collezioni permanenti d’arte e design, compresa la collezione Terra di Lavoro (dedicata ai maestri storici fino ad arrivare ai giovani più interessanti del casertano), saranno visibili opere pittoriche, fotografiche, video e scultoree di Max Coppeta, Enzo Ventrone, Davide Cristofaro, Mario Cacace, Lorenzo Mastroianni (presente con il suo Blink Circus), Luciano Iannucci, Jorit Chi, Rita Canino, Tania Pennestrì, Marinella Imbalzano, Angelo De Masi, Francesco Granata, Antonio Buttitta, Marco Fattori, Viviana Pascucci e Marco Perna.

L’esposizione si dipanerà su due piani del Museo, in circa 5000 metri quadri, con storici e critici d’arte a seguire i visitatori. Gli artisti segnalati durante la mostra rientreranno nella collezione permanente MAGMA Evolution (dedicata alle nuove proposte internazionali).
Presenterà la mostra, curata ed allestita da Paolo Feroce, con il contributo della dott.ssa Annalaura Uccella, il critico d’arte Emiliano D’Angelo, mentre i saluti agli ospiti saranno del Primo cittadino della Città di Roccamonfina, la dott.ssa Maria Letizia Tari, e del Sindaco di Teano, l’Ing. Nicola di Benedetto.
Presiede la Benedizione della Mostra S. Ecc.za Mons. Felice Leonardo, Vescovo emerito di Cerreto – Telese – S.Agata de Goti alla presenza del Parroco di Roccamonfina Don Giadio De Biasio”
Il tema della mostra è nato dal Mito di Asgard, la città divina, il recinto degli Asi dove regnavano le divinità comandate da Odino. Nessun mortale poteva mettere piede nella dimora degli Dèi, potevano solo immaginare lo splendore e le ricchezze che ornavano la città. Da questo semplice concetto è nata l’idea di proporre un evento artistico che indaghi il paesaggio reale e quello immaginario e che, quindi, sia meta dell’anima, speranza di eguaglianza sociale, pervaso da visoni fantastiche che caratterizzino l’opera d’arte e identifichi i turbamenti del proprio autore – sognatore.
In pratica ciò che è stato chiesto agli “interpreti” di questa mostra è che la loro arte possa offrire al visitatore la possibilità di rivivere momenti ed atmosfere quasi cinematografiche, come nei variopinti ed onirici “Sogni” di Akira Kurosawa, nelle ossessionanti presenze di “Metropolis” di Fritz Lang, passando dagli scenari intimisti del Blade Runner di Ridley Scott per arrivare alle immagini bucolico – fantastiche di Avatar di James Cameron.
Asgard, quindi, presenterà opere che hanno un approccio problematico alla tematica del rapporto Uomo_Natura_Paesaggio_Futuro. Elementi che per il Museo MAGMA sono delle costanti nelle proprie mostre, statuto, collezioni e finalità. 

La mostra resterà aperta fino al 7 settembre 2013 e già dall’inaugurazione sarà presentata parte della nuova sezione di Geologia del Territorio, denominata GEO, diretta dal dott. Fiorentino Bevilacqua e dal geologo Giovanni Roberti, e la Green House, l’area cocktail posta internamente alla struttura, dello chef Ivan Del Vecchio.