lunedì 29 ottobre 2012

Altheo "profili": Cinzia Battagliola

Altheo people: Cinzia Battagliola.




Nata a Brescia nel 1961 e diplomata in ragioneria, da circa vent'anni ha capito che il suo posto è dietro la macchina fotografica.
Innamorata della versione analogica di questa pratica artistica e del rullino, in breve tempo si è appassionata alla manualità della camera oscura e alla stampa in bianco e nero, per poi passare alla digitalizzazione moderna.
Dopo diverse sperimentazioni Cinzia sembra aver bisogno di cercare ancora la sorpresa dello scatto fotografico, l'attesa dello sviluppo, tant'è che la Polaroid diventa compagna delle sue giornate e con essa coglie lo scorrere del tempo, quasi diventando voyeur di se stessa.
Spesso, infatti, Cinzia Battagliola è soggetto delle sue creazioni che ritroviamo quasi interamente divise in serie tematiche, come fossero piccoli racconti.






La fotografia ha un'anima propria che si trasforma in continuazione...”

Questo è quello che lei dice e vive ogni giorno con la sua macchina fotografica.
Mi sembra quasi di vederla, al mattino, dopo essersi svegliata, mentre scopre “una nuova Cinzia” davanti allo specchio, o mentre un nuovo pensiero le passa per la testa che si trasformerà in una idea per creare nuove opere.
I suoi scatti uniscono perfettamente la sua creatività alla sua naturale espressività femminile, mostrando al mondo la sua personalissima impronta.

Dalila Tossani


La fotografia è un istante che viene immortalato da un occhio vigile, un click è 'come un seme' che porta alla nascita, e non è così facile, ma Lei Cinzia trasforma quell'attimo con una naturalezza disarmante generata dal sentimento interiore che la distingue creando una immagine unica ed irripetibile ma che rispecchia la sua personalità.”
Ugo Cacace