lunedì 19 dicembre 2011

Altheo "profili": Rossana Corti.

Altheo people: Rossana Corti.





Nasco a Cagliari (CA, Italy) il 10/12/1972, dove risiedo e lavoro.
Ho iniziato a disegnare all’età di due o tre anni, avendo come primi modelli due illustratori di fiabe ( Vojtěch Kubašta e Rino Ferrari in arte Ferri ) e, in seguito, le idealizzazioni femminili di Leiji Matsumoto (autore dei manga e degli anime televisivi Capitan Harlock, Star Blazers,ecc) che decenni dopo ritrovai incarnato nei busti di Francesco Laurana.
Per anni le tecniche artistiche (soprattutto il disegno a penna) sono state coltivate come una passione privata, mentre corrispondevo alle aspettative borghesi attraverso studi superiori e universitari regolari e professione seria e rispettabile.


 .

In quel periodo ho nutrito tre mie passioni viscerali: quella cinefila ( come scordare l’emozione profonda datami da La Jetée di Chris Marker? Quel battito di ciglia fuggevole che è un palpito d’anima?), quella bibliofila e infine quella della ricerca documentaria.
Mi hanno aiutato a convincermi che tutte le cose, tutte le creature viventi sono legate reciprocamente da fili invisibili in una prospettiva olistica e ciò ha aperto la via a varie riflessioni su ciò che siamo e su ciò che possiamo essere, nonché sulla responsabilità personale nella decadenza del micromondo, dove la salvezza è costruibile.
Nel 2002 ho scelto di iniziare la mia seconda vita all’interno del Liceo Artistico ( nella sezione Accademia del “Foiso Fois” di Cagliari), dove mi sono diplomata nel 2006 con il massimo dei voti e una tesina su Il Golem. La materia vivente.




Nel testo esprimevo la mia fede nelle possibilità espressive e salvifiche dell’Arte, generatrice di opere dotate di un’anima propria, capace di creare un’atmosfera spirituale atta ad influenzare e a consolare le persone.
Energia e potere intrinseci che trasformano la realtà sensibile, tramite una forma di magia.
Quando nel 2007 ho iniziato ad esporre, avevo ben presenti le mie motivazioni e le mie aspirazioni legate alla volontà di agire per condividere e per costruire possibilità di salvezza terrena. La mia ricerca artistica si muove all’interno di un racconto in divenire, nel quale ogni opera aggiunge un frammento, senza pregiudizi sul medium, legato alle esigenze espressive del momento.